Pfas, Zaia: «Atteggiamento ministero della salute scandaloso, ci arrangiamo»

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21/09/2017 alle ore 12:52.
Immagine repertorio
Immagine repertorio

“Non c’è che da prendere atto dell’atteggiamento scandaloso del Ministero della Salute che, negando la necessità di fissare limiti nazionali per la concentrazione di Pfas nelle acque potabili, fa finta di non vedere la realtà e, di fatto, ci dice di arrangiarci. Annuncio che da questo momento ci arrangiamo e, in piena autonomia, procederemo a una drastica riduzione dei limiti in Veneto”. Lo annuncia oggi il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia dopo la nota di lunedì scorso con la quale la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute ha respinto la richiesta avanzata dalla Regione di fissare un limite nazionale di performance per la presenza di sostanze perfluoro alchiliche nella acque, e la riproposizione delle tabelle dello studio del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) del 2013, da cui appare evidente la presenza significativa di tali sostanze in varie altre zone d’Italia.

“Ho incaricato – rivela il Governatore – il Direttore Generale di Arpav Nicola Dell’Acqua, nella sua veste di Coordinatore della Commissione “Ambiente e Salute”, organismo che, con delibera del 13 giugno scorso, ha assorbito le competenze della “Commissione Tecnica Pfas”, di convocare al più presto l’organismo in questione con il mandato di definire una proposta di drastica riduzione dei limiti in Veneto, che la Giunta regionale approverà al più presto possibile, dando agli Enti Acquedottistici l’indicazione di uniformarsi con sollecitudine alle nuove disposizioni”.

Tags: pfas,inquinamento,acqua,Luca Zaia

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport