Kiwi in difficoltà, produzione giù del 36%

Stampa Home
Articolo pubblicato il 28/09/2017 alle ore 07:00.
Kiwi
Kiwi

Non è un momento brillante per la coltivazione di piante da frutto a Verona; come vi avevamo scritto QUI, infatti, le pesche stanno vivendo una vera e propria crisi. La gelata della scorsa primavera e le fitopatie, più la cimice asiatica, inoltre, avranno un impatto pesante sul raccolto di kiwi a Verona e in Veneto, ma il prezzo di vendita salirà del 6%. La produzione stimata per il 2017 in regione è di 35.761 tonnellate, il 33% in meno del 2016, a Verona sarà di 26.155 tonnellate il 36% in meno del 2016.

E’ quanto è emerso nel convegno “Stime di produzione e commercializzazione", organizzato dalla Camera di Commercio di Verona, ieri sera, e moderato dal Vice Segretario Generale della Camera di Commercio, Riccardo Borghero, che ha sottolineato quanto stia crescendo il comparto ortofrutta nel commercio estero. "L’ortofrutta ha esportato 325 milioni di euro nel I semestre di quest’anno, l’8,7% in più dello scorso anno. I mercati esteri sono uno sbocco sempre più alternativo al meno vivace mercato interno per le aziende veronesi. Ricordo che la Camera di Commercio ha stanziato dei contributi per l’internazionalizzazione  e il bando è ancora aperto: i termini per presentare domanda scadono tra qualche giorno”.

A fare gli onori di casa sono intervenuti il componente di Giunta dell’ente, Claudio Valente, il consigliere della Provincia di Verona, Francesco Bonfaini, e il Direttore del Consorzio di tutela del kiwi, Fausto Bertaiola.

“Il kiwi  è una produzione molto importante per la nostra provincia – ha spiegato Valente – che incontra difficoltà per l’attacco di patogeni vegetali, il cancro e l’asfissia radicale, e animali, la cimice asiatica. La produzione è diminuita principalmente per la gelata di questa primavera, ma questo darà soddisfazioni sul fronte della commercializzazione: è previsto, infatti, un aumento medio del prezzo del 6% a livello italiano e i kiwi sopravvissuti alla gelata sono di ottima qualità. La Camera di Commercio organizza questo incontro con relatori di caratura nazionale proprio per dare indicazioni di questo tipo, offrendo un servizio di orientamento e informazione importante per le imprese”.

“In termini generali - ha detto Elisa Macchi, direttore del Cso Italy, nel presentare i dati - l’industria del kiwi italiano, escludendo alcune criticità specifiche, sta vivendo nel complesso nazionale un risveglio, prova ne è la tendenza delle superfici”.

A Verona, ad esempio, gli ettari coltivati sono aumentati del 2% a 1839.

Alla relazione di Macchi è seguito un approfondimento sugli effetti delle principali malattie che affliggono le piante di kiwi, moria e cimice asiatica, a cura di Lorenzo Tosi di Agrea.

Tags: kiwi,produzione,prezzi,ortofrutta,Camera di Commercio,cimice asiatica

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport