Bevilacqua, ha l'obbligo di firma ma continua a spacciare

Stampa Home
Articolo pubblicato il 13/11/2017 alle ore 12:26.
Bevilacqua, ha l'obbligo di firma ma continua a spacciare
Bevilacqua, ha l'obbligo di firma ma continua a spacciare

Giovedì 9 novembre i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnago, hanno accertato dopo un'indagine di Polizia Giudiziaria che B.M., marocchino classe 1974 domiciliato a Bevilacqua, pluripregiudicato, nonostante le numerose condanne e gli arresti in cui è incorso nei 15 anni di permanenza sul territorio nazionale e nonostante avesse l'obbligo di firma ai Carabinieri, continuava la sua attività di spacciatore di sostanze stupefacenti nella Bassa Veronese.

Così i militari, accertata la sua attività illecita, hanno richiesto un'ordinanza all'Autorità Giudiziaria scaligera che è puntualmente arrivata: la d.ssa Maria Beatrice Zanotti ha infatti ottenuto il provvedimento dal Giudice per le Indagini Preliminari Raffaele Ferraro il quale ha emesso la misura cautelare degli arresti domiciliari, eseguita dai Carabinieri del NOR.

Tags: spaccio di droga,bevilacqua

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport