Allarme Inps: classe '80 in pensione a 75 anni?

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/02/2017 alle ore 16:49.
Allarme Inps: classe '80 in pensione a 75 anni?
Allarme Inps: classe '80 in pensione a 75 anni?

A causa del vuoto contributivo dovuto alla disoccupazione, pari in media a due anni per i lavoratori che hanno oggi 36 anni, la disoccupazione giovanile potrebbe avere effetti devastanti sull’età di raggiungimento della pensione per i più giovani. Secondo il presidente dell’Inps, Tito Boeri, chi è nato dopo il 1980 rischia di andare in pensione con i requisiti minimi non a 70 anni, ma «due, tre, forse anche cinque anni dopo». 

L’Inps ha condotto uno studio apposito sulla classe 1980, «una generazione indicativa» ha detto Boeri prendendo a riferimento «un universo di lavoratori dipendenti, ma anche artigiani», ed è emerso come per un lavoratore tipo «ci sia una discontinuità contributiva, legata probabilmente a episodi di disoccupazione, di circa due anni. Il vuoto contributivo pesa sul raggiungimento della pensione, che a seconda della sua lunghezza, «può slittare anche fino a 75 anni». «Non voglio terrorizzare ma solo rendere consapevoli dell’importanza della continuità contributiva» ha aggiunto il presidente dell’Inps.


"Dato il livello della disoccupazione giovanile e dato che rischiamo di avere intere generazioni perdute nel Paese, e dato che invece abbiamo bisogno di quel capitale umano, credo sia molto importante fare questa operazione in tempi stretti", ha concluso Boeri.

Tags: inps,pensione,disoccupazione

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica

Sport